Skip to content

Ogni quattro anni si tengono le elezioni locali durante le quali si eleggono il sindaco e i membri del consiglio comunale. Nei comuni in cui sono stati istituiti organismi più ristretti, vengono eletti anche i membri dei consigli locali, i consigli delle comunità rurali o delle comunità urbane.

Diritto di voto

Ha il diritto di votare e di essere votato alle elezioni locali un cittadino che ha compiuto almeno i diciotto anni di età il giorno del voto, è un cittadino della Repubblica di Slovenia o un cittadino di altri Stati membri dell’UE che ha un permesso di soggiorno permanente con residenza permanente registrata nella Repubblica di Slovenia o un certificato di registrazione della residenza e una residenza temporanea registrata nella Repubblica di Slovenia.

Alle elezioni locali votano anche gli stranieri che hanno il permesso di soggiorno permanente e la residenza permanente registrata nella Repubblica di Slovenia.

Alle elezioni comunali gli elettori hanno diritto di voto solo nel comune in cui hanno registrato la residenza permanente.

Le restrizioni all’esercizio del diritto di voto alle elezioni locali si applicano alle persone private della capacità giuridica o assistite da genitori o tutori con diritti genitoriali estesi secondo le disposizioni della legge che disciplina il diritto di voto per le elezioni dell’Assemblea nazionale.

Modalità di voto

Ogni quattro anni, e precisamente la terza domenica di novembre, si tengono le elezioni locali ordinarie in cui vengono eletti il sindaco e i membri del consiglio comunale.

Le elezioni si tengono nei seggi elettorali. In alcuni casi previsti dalla legge, gli elettori possono votare anche da casa o per corrispondenza.

  • Possono votare per corrispondenza gli elettori che si trovano agli arresti, in un istituto penitenziario, in ospedale o in una struttura di assistenza sociale per l’assistenza in istituto, se lo comunicano alla commissione elettorale distrettuale entro e non oltre dieci giorni prima del giorno delle votazioni. Allo stesso modo possono votare anche i portatori di handicap, dandone comunicazione alla commissione elettorale distrettuale entro e non oltre dieci giorni prima del giorno delle votazioni e presentando la decisione dell’organo competente sul riconoscimento della condizione di disabile. Le persone con disabilità possono anche votare sempre per corrispondenza se lo comunicano alla Commissione elettorale nazionale e presentano la decisione dell’organo competente sul riconoscimento della condizione di disabile. Tale comunicazione è valida fino a revoca. 
  • Possono votare da casa gli elettori che, a causa di malattia, non possono comparire personalmente presso il seggio in cui sono iscritti come elettori, dandone comunicazione alla commissione elettorale comunale, al più tardi entro tre giorni prima del giorno delle elezioni.

Prima dell’inizio delle votazioni, un membro del comitato elettorale deve accertare l’identità dell’elettore con un documento di identità o altro.

Elezioni dei membri del consiglio comunale

Candidatura

I candidati e le liste dei candidati per il consiglio comunale sono scelti dai partiti politici nel comune e dagli elettori della circoscrizione elettorale.

I candidati a membri dei consigli comunali che rappresentano le comunità italiana e ungherese nei singoli comuni vengono scelti dagli elettori che sono membri di tali comunità nazionali, con le firme di almeno 15 elettori.

I candidati a membri dei consigli comunali che rappresentano la comunità rom nei singoli comuni vengono scelti dagli elettori che sono membri della comunità rom, con le firme di almeno 15 elettori, o scelti dall'organo dell’associazione rom nel comune.

Per ogni candidatura è richiesto il consenso scritto del candidato.

Elezioni

Il consiglio comunale può contare da 7 a 45 membri, a seconda delle dimensioni del comune. I membri del consiglio comunale sono eletti per un mandato di quattro anni.

Per i comuni con un numero di membri del consiglio comunale da 7 a 11, la legge prescrive il sistema elettorale maggioritario.

Per i comuni con un numero di membri del consiglio comunale da 12 a 45, la legge prescrive il sistema elettorale proporzionale.

Secondo il sistema maggioritario si votano i membri del consiglio comunale che rappresentano le comunità italiana e ungherese, nonché i rappresentanti della comunità rom.

Elezioni del Sindaco

Candidatura

Un candidato sindaco può essere nominato da un partito politico o da un gruppo di elettori.

Per presentare la candidatura è necessario il consenso scritto del candidato.

Elezioni

È eletto sindaco il candidato che alle elezioni ottiene la maggioranza dei voti validi.

Se nessuno dei candidati ottiene la maggioranza dei voti, si tiene un secondo turno elettorale in cui gli elettori scelgono tra i due candidati che hanno ricevuto il maggior numero di voti al primo turno.

Sulla scheda elettorale del secondo turno, i candidati sono elencati nell’ordine in base al numero dei voti ricevuti al primo turno delle elezioni. In caso di parità di voti ottenuti, l’ordine sarà determinato mediante estrazione a sorte.

Il secondo turno delle elezioni regolari è indetto dalla Commissione elettorale nazionale e si svolge 14 giorni dopo il primo turno delle elezioni.