Skip to content

I documenti personali dimostrano l'identità e la cittadinanza di una persona che necessita di documenti anche quando attraversa il confine o quando si reca in determinati paesi. I documenti personali validi, dimostranti l'identità di una persona nella Repubblica di Slovenia, sono documenti pubblici accompagnati da una fotografia e rilasciati da un ente statale.

I documenti pubblici in Slovenia sono la carta d'identità, il passaporto, il lasciapassare di frontiera, la patente di guida, il porto d’armi e il certificato di idoneità per la conduzione di imbarcazioni.

Tuttavia, non tutti i documenti soddisfano tutti i requisiti per la divulgazione dell'identità poiché in alcuni documenti non recano annotato l'indirizzo della persona. Con questi ultimi, ad esempio, non è possibile dimostrare di essere residenti a un determinato indirizzo.

Documenti ufficiali di identificazione

I documenti ufficiali di identificazione (personali) consentono di accertare l’identità o di identificare una persona nei procedimenti dinanzi a funzionari e altri organi. Nella Repubblica di Slovenia, qualsiasi documento contenente una fotografia del titolare e rilasciato da un ente statale ha lo status di documento di identificazione ufficiale. I documenti di identità ufficiali più comuni sono:

  • la carta d’identità,
  • il passaporto,
  • il lasciapassare di frontiera,
  • la patente di guida,
  • il porto d’armi e
  • il certificato di idoneità per la conduzione di imbarcazioni.

In base alla serie di dati che contengono, i documenti consentono anche varie altre funzionalità, come ad esempio dimostrare la cittadinanza, attraversare il confine di Stato, ecc.

Un cittadino con residenza permanente nella Repubblica di Slovenia deve avere almeno un documento di identità ufficiale, ossia una carta d'identità, dopo aver compiuto i 18 anni, se non ha un altro documento. Il minore può ottenere una carta d'identità o un passaporto subito dopo la nascita.

Carta d’identità

La carta d'identità è un documento pubblico con cui un cittadino della Repubblica di Slovenia dimostra la propria identità e cittadinanza e con cui può viaggiare in determinati paesi. Ogni cittadino della Repubblica di Slovenia ha diritto a una carta d'identità. Un cittadino adulto con residenza permanente in Slovenia che non dispone di un altro documento pubblico valido, accompagnato da una fotografia, deve avere una carta d'identità.

Come ottenere una carta d'identità?

È possibile richiedere la carta d'identità presso qualsiasi unità amministrativa della Repubblica di Slovenia e presso gli Uffici di rappresentanza diplomatici o i consolati della Repubblica di Slovenia all'estero. In casi urgenti, come cure, malattia o decesso di un familiare stretto o mansioni ufficiali urgenti, la carta d'identità può essere rilasciata anche dal Ministero dell'Interno della Repubblica di Slovenia.

Di norma, la carta d'identità viene prodotta e consegnata all'ufficio postale entro quattro giorni lavorativi. Il cittadino può richiedere la realizzazione prioritaria della carta d'identità. In questo caso, la carta d'identità viene realizzata e consegnata all'ufficio postale entro e non oltre il giorno lavorativo successivo, ma per la realizzazione prioritaria deve essere versata un’ulteriore tassa amministrativa.

Dove si può viaggiare con la carta d'identità?

Con un documento d'identità valido puoi viaggiare in Albania, Austria, Andorra, Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Montenegro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Grecia, Croazia, Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Liechtenstein, Lussemburgo, Ungheria, Malta, Germania, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Macedonia del Nord, Slovacchia, Serbia, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito.

Passaporto

Il passaporto è un documento pubblico con cui i cittadini dimostrano la loro identità e la cittadinanza quando attraversano il confine di stato. Il documento può essere ottenuto da qualsiasi cittadino, indipendentemente dalla residenza, e può essere ottenuto anche dai bambini, indipendentemente dall'età.

Il 12 dicembre 2016 la Repubblica di Slovenia ha iniziato a rilasciare documenti di viaggio biometrici con protezione aggiuntiva. Questi documenti di viaggio contengono elementi di sicurezza e protezione aggiornati e dispongono di dati linguistici personalizzati che vengono riportati in tutte le lingue ufficiali dell'Unione europea. Il passaporto biometrico ha un chip inserito touch free con i dati biometrici del titolare del passaporto.

Oltre al passaporto ordinario, esistono anche altre tipologie: il passaporto diplomatico, il passaporto di servizio, il passaporto di ritorno e i passaporti rilasciati in base ad accordi internazionali.

Il passaporto diplomatico e di servizio è rilasciato dal competente Ministero degli Affari Esteri. Il passaporto di ritorno è rilasciato da un ente della Repubblica di Slovenia all'estero, autorizzato a svolgere gli affari consolari.

Come ottenere il passaporto?

Il passaporto può essere richiesto presso qualsiasi unità amministrativa della Repubblica di Slovenia e presso gli Uffici di rappresentanza diplomatici o i consolati della Repubblica di Slovenia all'estero. In casi urgenti, come cure, malattia o decesso di un familiare stretto o mansioni lavorative urgenti, il passaporto può essere rilasciato anche dal Ministero dell'Interno della Repubblica di Slovenia.

Di norma, il passaporto viene prodotto e consegnato all'ufficio postale entro cinque giorni lavorativi. Un cittadino può richiedere un passaporto prioritario al momento della domanda. In questo caso, il passaporto viene prodotto e consegnato all'ufficio postale entro e non oltre il giorno lavorativo successivo, previo però il pagamento di un’ulteriore tassa amministrativa per la realizzazione prioritaria.

Cosa fare in caso di furto, perdita o smarrimento del passaporto?

Se una persona smarrisce o perde il passaporto o gli è stato rubato, è obbligato a presentare una denuncia entro otto giorni presso qualsiasi unità amministrativa sul territorio della Repubblica di Slovenia. Non è sufficiente la sola denuncia di smarrimento effettuata in una Stazione di Polizia.

Se ciò accade all'estero, bisogna notificarlo entro 8 giorni dall'arrivo nella Repubblica di Slovenia, o presso una rappresentanza diplomatica o un consolato della Repubblica di Slovenia, e precisamente entro 30 giorni dallo smarrimento. Un cittadino senza residenza permanente nella Repubblica di Slovenia deve denunciare lo smarrimento del passaporto all'estero presso il più vicino ufficio di rappresentanza diplomatica e consolare della Repubblica di Slovenia all'estero entro 30 giorni dallo smarrimento.

Al momento della notifica, è necessario descrivere nel dettaglio le circostanze e la data dello smarrimento, della perdita o del furto. Un funzionario dell'organo amministrativo redigerà un verbale per lo smarrimento.

Patente di guida

La patente di guida serve a dimostrare il diritto di guidare su strada un veicolo a motore di una determinata categoria. Pertanto, questo atto pubblico può essere rilasciato a soggetti che dimostrino la capacità e le conoscenze per guidare veicoli a motore su strada.

Lasciapassare di frontiera

I cittadini della Repubblica di Slovenia e della Repubblica di Croazia che hanno la residenza permanente in uno degli abitati della zona di confine hanno il diritto di ottenere un lasciapassare di frontiera, il che è consentito dall'Accordo tra la Repubblica di Slovenia e la Repubblica di Croazia sul traffico frontaliero locale e sulla cooperazione.

Il lasciapassare può essere ottenuto presso l'unità amministrativa a seconda del luogo di residenza della persona che lo richiede. Anche i bambini di età superiore ai cinque anni hanno diritto a un lasciapassare. È anche possibile iscrivere un bambino fino a 15 anni nel lasciapassare di frontiera di uno o entrambi i genitori, del rappresentante legale o del tutore.

Il lasciapassare di frontiera è valido per cinque anni e può essere prorogato fino a un totale di dieci anni.

Il lasciapassare di frontiera può essere utilizzato per attraversare il confine di stato ai valichi di frontiera per il traffico frontaliero e sui valichi di frontiera interstatali e internazionali. Negli altri punti di transito, invece, solo se approvati dall’altro Paese. Il lasciapassare consente inoltre la permanenza ininterrotta nella zona di confine di un altro paese sino a un massimo di sette giorni.