Skip to content

In Slovenia il primo contagio da nuovo coronavirus è stato confermato il 4 marzo 2020. La situazione epidemiologica viene monitorata intensificando i test, sulla base del numero di contagiati vengono adottate e adeguate le misure per contenere la diffusione del nuovo coronavirus tra le persone.

I sintomi più frequenti di sospetta infezione

Il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 causa la malattia Covid-19 che si manifesta più comunemente con malessere, affaticamento, raffreddore, febbre, tosse e nelle forme più gravi con mancanza di respiro. Il decorso più grave è caratterizzato dalla polmonite.

L’infezione da nuovo coronavirus non può essere distinta dalle altre cause di infezioni respiratorie acute unicamente sulla base del decorso della malattia e dei problemi del paziente. Per confermare o escludere la malattia è necessario un test microbiologico.

Il nuovo coronavirus si diffonde tra le persone con le goccioline di saliva quando si starnutisce o si tossisce. Ciò significa che per la trasmissione è necessario un contatto più stretto con il paziente, a meno di 1,5 metri di distanza.

I malati in isolamento

Il medico di base impone l’isolamento alla persona cui è stata confermata l’infezione da nuovo coronavirus. Ciò significa che non deve lasciare il suo domicilio, deve limitare i contatti con le altre persone e seguire rigorosamente le raccomandazioni per prevenire la diffusione della malattia. Durante l’isolamento il paziente è in malattia.

Le persone con un’infezione confermata devono informare i loro contatti stretti

L'epidemiologo incaricherà la persona confermata di essere infetta dal coronavirus di informare tutti coloro con cui è stata in stretto contatto. Se ha installato l'app mobile #OstaniZdrav, inserite il codice TAN come indicato dal vostro epidemiologo in modo che chiunque abbia scaricato e attivato l’app venga avvisato del contatto a rischio tramite l’app.

È raccomandato il distanziamento sociale per le persone che sono state informate del contatto ad alto rischio.

Si raccomanda a chiunque abbia avuto un contatto a rischio con una persona infetta nello stesso nucleo familiare di eseguire un autotest dopo 7 giorni dall’ultimo contatto a rischio con una persona infetta.

Distanziamento sociale

Si consiglia il distanziamento sociale alle persone che sono entrate in contatto con una persona infetta durante la finestra di infettività. Sono molto rischiosi soprattutto i contatti tra i familiari tra i quali sono più alte le possibilità di trasmettere il nuovo coronavirus.

Il distanziamento sociale è una raccomandazione e non un obbligo perché la persona non viene messa in malattia. Si consiglia di svolgere per qualche tempo il lavoro da casa, previo accordo con il datore di lavoro. Nel caso in cui non possa svolgere il lavoro da casa, dovrebbe monitorarsi il più attentamente possibile e smettere di lavorare alla prima comparsa dei sintomi. Si raccomanda di non socializzare con persone al di fuori del nucleo familiare e di rispettare costantemente la distanza interpersonale di due metri nei luoghi pubblici.

Se un bambino all’asilo o a scuola ha avuto un contatto stretto

Per i bambini che rimangono in quarantena domiciliare, i tutori compilano un modulo per ottenere la dichiarazione di quarantena domiciliare. Presentate la dichiarazione al datore di lavoro o presentare le procedure necessarie per il rimborso dell’indennità di reddito.