Skip to content

Misure per contenere la diffusione delle infezioni

Per prevenire le infezioni è stato temporaneamente limitato in Slovenia il movimento e il raduno delle persone.

Utilizzo obbligatorio delle mascherine

È obbligatorio indossare mascherine chirurgiche o mascherine di tipo FFP2:

  • in tutti i luoghi pubblici al chiuso,
  • sui mezzi di trasporto pubblico,
  • per spostarsi e fermarsi in luoghi o spazi pubblici all’aperto se non è garantita la distanza di sicurezza di almeno 1,5 metri e
  • nelle autovetture.

 Non è necessario l’uso della mascherina per:

  • i bambini fino ai 6 anni compiuti,
  • gli educatori in età prescolare e gli assistenti degli educatori in età prescolare nello svolgimento del lavoro diretto con i bambini,
  • gli insegnanti di istruzione superiore e universitaria quando fanno lezione dietro una barriera protettiva di vetro o materiale simile,
  • i relatori in luoghi o spazi pubblici chiusi, se è prevista una distanza interpersonale di almeno 1,5 metri,
  • gli artisti in occasione di eventi culturali pubblici,
  • le persone che svolgono un’attività di formazione sportiva,
  • le persone con bisogni speciali a cui è impedito l'uso di una mascherina protettiva per ragioni oggettive,
  • gli alunni e gli studenti durante l’insegnamento di educazione fisica e le lezioni di sport,
  • gli alunni delle scuole di musica durante l’insegnamento di strumenti a fiato, ottoni, canto, stage di danza, danza moderna e balletto, nonché gli studenti durante l’insegnamento di danza, canto e strumento,
  • gli ospiti (in considerazione del requisito GVT) nei luoghi pubblici al chiuso o nei luoghi in cui viene offerta anche la preparazione e la somministrazione di cibi e bevande,
  • nella comunicazione diretta con persone sorde e con ipoacusia (se è possibile garantire una distanza di almeno 1,5 metri), e per gli interpreti della lingua dei segni slovena.

Condizione GVT obbligatorio per tutti i lavoratori

Il decreto del governo stabilisce che il requisito GVT dovrà essere soddisfatto da tutti i lavoratori, nonché dai fruitori dei servizi o delle attività, tranne nei casi di approvvigionamento necessario di prodotti e beni di prima necessità, per garantire la sicurezza e l’ordine pubblico, la tutela e la difesa, per prestare pronto soccorso, nonché per protezione e salvataggio, i servizi medici di emergenza, le procedure di emergenza per questioni sociali e familiari e l’assistenza personale di emergenza, nonché la protezione e il salvataggio.

Lavoratori

Il requisito GVT deve essere soddisfatto per tutta la durata del lavoro da tutti i dipendenti e le persone che su qualsiasi altra base giuridica lavorano per il datore di lavoro o svolgono l’attività in modo autonomo. Non è necessario soddisfare il requisito quando si svolge il lavoro da casa.

La verifica del requisito GVT è organizzata dai responsabili che eseguono o organizzano l’esecuzione del lavoro.

Autodiagnosi

Per svolgere il lavoro viene preso in considerazione anche il test rapido HAG per l’autodiagnosi. L’autotest viene eseguito una volta alla settimana a intervalli uguali. Le persone responsabili che svolgono o organizzano l’esecuzione del lavoro stabiliscono l’orario e il luogo dell’autotest che si effettua sul posto di lavoro. I fondi per effettuare il test con i tamponi rapidi per l’autodiagnosi vengono forniti dal datore di lavoro.

Fruitori

Il criterio GVT deve essere assolto da:

  • tutte le persone che sono fruitori dei servizi o che partecipano o sono presenti nell’esercizio delle attività o negli ambienti, un risultato negativo del test PCR che non è più vecchio di 48 ore dal prelievo del tampone o un risultato negativo del test HAG che non è più vecchio di 24 ore dal prelievo del tampone;
  • gli utenti delle carceri, dei riformatori, dei centri per gli stranieri, delle case di accoglienza e integrazione al momento dell’ammissione all’alloggio o al rientro nell’alloggio, se l’assenza è durata più di 48 ore.

Non è necessario assolvere al requisito GVT in caso di:

  • approvvigionamento necessario di prodotti e beni di prima necessità,
  • salvaguardia della sicurezza e dell’ordine pubblico, della tutela e difesa,
  • pronto soccorso,
  • protezione e salvataggio e
  • la persona che è incaricata di svolgere dei compiti nel settore del trasporto internazionale e lascia la Repubblica di Slovenia entro 12 ore dal rifornimento presso le stazioni di servizio.

Per l’approvvigionamento necessario di prodotti e beni di prima necessità si considerano:

  • negozi che vendono prevalentemente generi alimentari e bevande, inclusa la vendita di prodotti alimentari e bevande al di fuori dei punti vendita, sempre che non si trovino in negozi all’interno di un centro commerciale,
  • negozi specializzati in prodotti farmaceutici, medicinali, cosmetici e per l’igiene, sempre che non si trovino in negozi all’interno di un centro commerciale,
  • depositi umanitari, centri di distribuzione del cibo e altri luoghi che forniscono libero accesso ai beni di prima necessità per i gruppi socialmente svantaggiati.

In caso di rifornimento presso le stazioni di servizio, il requisito GVT deve essere soddisfatto dagli utenti solo in caso di approvvigionamento nei locali chiusi del distributore di benzina.

Le persone che non soddisfano il requisito GVT non possono utilizzare il servizio o partecipare o essere presenti all’attività.

Il criterio GVT non deve essere assolto da

  1. i minori di 12 anni e le persone che sono coinvolte nei servizi di gestione, assistenza e occupazione a condizioni particolari,
  2. le persone che portano o accompagnano un bambino o un alunno all’asilo o alle prime tre classi della scuola elementare, alla scuola di musica fino alla 2a classe inclusa, in una scuola elementare con un programma adattato o in un Istituto per l’educazione e la formazione di bambini e adolescenti con bisogni speciali, nei centri di assistenza e terapia del lavoro, nei centri per il recupero, l’assistenza e terapia lavorativa, nonché nei centri diurni delle case di riposo,
  3. le persone che accompagnano da un prestatore di assistenza sanitaria un minore fino all’età di 15 anni o un adulto che non è in grado di prendersi cura di se stesso e
  4. gli alunni e gli studenti che utilizzano il trasporto pubblico,
  5. gli utenti dei servizi sanitari in caso di vaccinazione per il Covid-19 o di test per la presenza del virus SARS-CoV-2,
  6. gli utenti dei servizi di consegna della merce o ritiro delle spedizioni postali in consegna al destinatario.

Validità della Certificazione verde COVID-19 di vaccinazione e guarigione a partire dal 1° febbraio 2022

Sistema di vaccinazione Codice QR Scadenza della certificazione
Tre volte vaccinati – vaccinati con dose booster (ultima dose Pfizer o Moderna) 3/3 Illimitata
Guariti + vaccinati (entro 180 giorni; fino al 14 settembre 2021 entro 240 giorni) + vaccinati con Pfizer o Moderna (in qualsiasi momento successivo) 2/1 Illimitata
Vaccinati con Janssen + vaccinati con Pfizer o Moderna 2/1 Illimitata
Una volta vaccinati con Janssen 1/1 270 giorni dalla vaccinazione
Guariti + vaccinati (entro 180 giorni; fino al 14 settembre 2021 entro 240 giorni) 1/1 270 giorni dalla vaccinazione
Due volte vaccinati 2/2 270 giorni dalla vaccinazione
Vaccinati con Janssen + vaccinati con Astra Zeneca 2/2 270 giorni dalla vaccinazione
Vaccinati con Janssen + vaccinati Janssen 2/2 270 giorni dalla vaccinazione
Vaccinati + guariti + vaccinati 2/2 270 giorni dalla vaccinazione
Vaccinati + vaccinati + guariti 2/2+ risultato positivo del PCR (come certificato di guarigione) 270 giorni dalla vaccinazione ovvero 180 giorni dalla guarigione (dal risultato positivo del PCR)
Guariti risultato positivo del PCR (come certificato di guarigione) 180 giorni dalla guarigione (dal risultato positivo del PCR)

Raduni (assembramenti) di persone

Restrizioni ai raduni (assembramenti)

Sono temporaneamente vietati tutti gli eventi pubblici, sono vietati i cortei pubblici, i festeggiamenti, le celebrazioni e le cerimonie nuziali, se non diversamente disposto dai decreti o da altri atti del Governo della Repubblica di Slovenia;

Non sono consentiti eventi culturali in aree pubbliche all’aperto, sono invece consentiti nei locali pubblici al chiuso con posti a sedere fissi, utilizzando le mascherine protettive e lasciando un posto libero tra gli utenti, tutti i partecipanti devono essere in possesso del requisito GVT (guariti, vaccinati o testati);

Le manifestazioni sportive pubbliche sono consentite solo se svolte in locali con posti a sedere fissi, utilizzando le mascherine protettive e lasciando un posto libero tra gli utenti, tutti i partecipanti devono essere in possesso del requisito GVT;

L’esercizio collettivo della libertà religiosa è consentito a condizione che i partecipanti siano in possesso del requisito GVT, utilizzando le mascherine protettive e mantenendo una distanza interpersonale di 1,5 metri.

Cortei pubblici ed eventi al chiuso e all’aperto

I partecipanti devono soddisfare la condizione GVT. I partecipanti di età inferiore ai 12 anni non devono soddisfare questa condizione.

La mascherina è obbligatoria:

  • in tutti i luoghi e i locali pubblici al chiuso,
  • in tutti i luoghi e i locali pubblici all’aperto se non è possibile rispettare la distanza interpersonale di almeno 1,5 metri.

La mascherina non è obbligatoria:

  • nei luoghi e i locali pubblici all’aperto, se si tratta di membri dello stesso nucleo familiare ed è garantita una distanza interpersonale di almeno 1,5 metri dalle altre persone,
  • in tutti i luoghi e i locali pubblici all’aperto se si osserva il requisito GVT.

L’organizzatore di un evento pubblico o di un corteo pubblico, all'ingresso dell’evento o nel corso del raduno verifica se i partecipanti all’evento o al raduno soddisfano il requisito GVT. Una persona che non soddisfa tale condizione non è autorizzata a partecipare all’evento o al raduno. L’organizzatore deve affiggere un avviso scritto in un luogo ben visibile informando i partecipanti all’evento o al raduno che è obbligatorio l’adempimento della condizione GVT per partecipare all’evento o al raduno.

Verifica della conformità al requisito GVT

I fornitori di servizi sono tenuti a segnalare per iscritto e in un punto visibile l'obbligo di soddisfare il requisito GVT che deve essere rispettato dalle persone che svolgono il lavoro e dagli utenti dei servizi e ne devono verificare l’adempimento ai punti di ingresso. Il requisito GVT deve essere soddisfatto sia dai clienti nazionali che da quelli stranieri, indipendentemente dal fatto che l’adempimento del requisito GVT di questi ultimi sia già stato verificato al confine di Stato.

Le persone che non soddisfano il requisito GVT non possono utilizzare il servizio o partecipare o essere presenti allo svolgimento di attività o in determinati contesti nella Repubblica di Slovenia in cui ciò è previsto in conformità a quanto sopra o alle disposizioni del Decreto.

Finanziamento dello screening

I fondi per lo screening con i test HAG e i test antigenici rapidi per l’autotest sono garantiti dal bilancio della Repubblica di Slovenia.

Hanno diritto allo screening gratuito con i test HAG presso gli operatori sanitari solo le persone che

  • hanno la residenza temporanea o permanente in Slovenia,
  • lavorano per un datore di lavoro con sede in Slovenia o
  • sono rappresentanti diplomatici in Slovenia.

Restrizione temporanea alle attività di ristorazione

L’attività di ristorazione per la somministrazione di cibo o bevande è consentita solo da seduti e tra le 5:00 e le 22:00. L’uso della mascherina non è necessario solo nel rispetto del requisito GVT per gli ospiti seduti al tavolo, nell'attività di ristorazione per la preparazione e la somministrazione di cibi e bevande.

All’ingresso del locale o dello spazio in cui si svolge l’attività di ristorazione per la somministrazione di cibo e bevande, deve essere affisso in un luogo ben visibile il numero massimo di persone presenti contemporaneamente nel locale o in quello spazio.

Non è consentita l’attività per gli esercizi di ristorazione che offrono musica da ballo o programmi di intrattenimento (discoteche, locali notturni).

Esercizio dell’attività fieristica

Nell’attività fieristica deve essere garantito il movimento unidirezionale dei visitatori, con ingresso e uscita separati.

L’area dell’attività fieristica nelle superfici all’aperto (bancarelle in fila o in gruppo) deve essere recintata in modo che sia possibile accedervi soltanto attraverso l’ingresso ufficiale. 

All’ingresso dello spazio in cui si effettua l’attività di ristorazione per la somministrazione di cibo o bevande deve essere affisso in un luogo ben visibile il numero massimo di persone presenti contemporaneamente in quello spazio. A tali condizioni è consentito l’esercizio dell’attività di ristorazione per la somministrazione di cibo o bevande in occasione di manifestazioni fieristiche all’aperto e su bancarelle all’esterno.

Lo svolgimento delle attività congressuali e fieristiche è consentito nelle superfici all’aperto e al chiuso alle seguenti condizioni:

  • i partecipanti devono soddisfare il requisito GVT (guariti, vaccinati, testati), indossare mascherine protettive e garantire una distanza di almeno 1,5 metri tra le persone,
  • la verifica dell’adempimento del requisito GVT è organizzata dai responsabili che svolgono o organizzano un’attività congressuale o fieristica, l’attuazione della verifica viene regolarmente monitorata,
  • non è consentita la somministrazione di cibo e bevande sulle bancarelle (fatta eccezione per la tradizionale preparazione e cottura delle caldarroste),
  • in caso di manifestazione fieristica all’aperto, viene garantito il movimento unidirezionale dei visitatori, con ingresso e uscita separati,
  • l’area della manifestazione fieristica nelle superfici all’aperto deve essere recintata in modo che sia possibile accedervi soltanto attraverso l’ingresso ufficiale.

Trasporto pubblico

Nella tutta la Slovenia il trasporto pubblico dei passeggeri viene effettuato secondo la capienza registrata. È operativo secondo il normale orario di servizio. 

Il trasporto pubblico viene svolto secondo il consueto orario. Dal 10 gennaio 2022 è ammesso un numero limitato di passeggeri.

I passeggeri devono esibire al vettore un attestato da cui risulta che sono in possesso del requisito GVT. Per i conducenti e i passeggeri è obbligatorio l’uso della mascherina.

Condizioni per il funzionamento e l’utilizzo degli impianti a fune

L’utilizzo degli impianti a fune e delle relative piste da sci è consentito:
• alle persone che forniscono al gestore dell’impianto di risalita l’attestato che sono in possesso del requisito GVT al momento dell’acquisto del biglietto o sulla pista da sci,
• nelle cabinovie è obbligatorio l’uso di una mascherina chirurgica o di tipo FFP2 per le persone di età superiore ai 6 anni,
• nelle seggiovie è obbligatorio l’uso di mascherina chirurgica o mascherina tipo FFP2 se non c’è un posto libero tra i passeggeri, tranne nel caso di bambini di età inferiore ai 6 anni e di persone con esigenze speciali,
• i finestrini della cabina devono essere sempre aperti, anche durante la corsa,
• la distanza tra gli utenti durante la corsa e durante l’acquisto dei biglietti deve essere di 1,5 metri,
• alla fine dell’esercizio il gestore degli impianti a fune è tenuto a pulire in una cabinovia tutte le superfici con cui gli utenti sono stati in contatto.

Gli impianti a fune possono essere messi in servizio in conformità con le raccomandazioni dell’Istituto NIJZ.

Istruzione

Le lezioni per gli studenti delle scuole elementari e secondarie si svolgono nei locali della scuola. 

L’insegnamento nelle scuole superiori si svolgerà secondo il modello B, il che significa che tutti gli studenti seguiranno le lezioni a scuola, ossia nell’istituto scolastico, inoltre tutti gli studenti potranno alloggiare tutto il tempo nelle case dello studente.

Nelle scuole tecniche superiori sarà possibile effettuare le lezioni interamente in presenza.

A partire dal 17 novembre, gli alunni della scuola elementare e gli studenti delle scuole medie superiori dovranno sottoporsi obbligatoriamente all’autotest con il test antigenico rapido tre volte alla settimana. L’autotest viene effettuato nell’istituto scolastico. Gli alunni che non effettuano il test antigenico rapido per l’autotest, devono seguire le lezioni a distanza.

Gli alunni e gli studenti con bisogni speciali che non possono eseguire l’autotest per motivi di salute, ostacoli o disturbi all’interno dell’istituto di educazione e formazione possono eseguire l’autotest in ambito domestico.

Anche gli studenti universitari e i partecipanti ai corsi di formazione per adulti, all’interno dei programmi in cui si acquisisce un’istruzione pubblica valida, devono sottoporsi all’autotest con il test antigenico rapido tre volte alla settimana.

Gli scolari, gli alunni e gli studenti che effettuano il test antigenico rapido per l’autotest soddisfano quindi il requisito GVT anche per frequentare la scuola di musica, partecipare alle attività extrascolastiche e all’esercizio collettivo della libertà religiosa.